Cerca

Elettrodomestici e consumi energetici: come spendere meno

Risparmiare sui costi della bolletta energetica è possibile? Sì, basta seguire alcune semplici indicazioni per fare in modo che il nostro portafogli non venga alleggerito più di quanto sia necessario contribuendo al tempo stesso alla difesa dell’ambiente e dell’ecosistema. Soprattutto in tempi di crisi economica e contrazione dei consumi come quelli che stiamo attraversando, saper gestire con consapevolezza il proprio fabbisogno energetico può tradursi in un risparmio non indifferente sul budget familiare complessivo.

Le necessità energetiche maggiori nelle nostre case sono assorbite dagli elettrodomestici e dagli altri impianti elettrici di uso comune. Mediamente una famiglia di 4 persone spende tra 500 e 600 euro l’anno per farli funzionare. Sapere quali sono quelli che consumano di più e come utilizzarli al meglio può fare la differenza.

Come usare gli elettrodomestici per risparmiare sulla bolletta

Oltre ad avere cognizione su quali siano gli elettrodomestici che incidono maggiormente sui costi della bolletta, un elemento da tenere in considerazione è quello della loro classe energetica: sostituire i vecchi apparecchi domestici con quelli etichettati da A+ ad A+++ significa ridurre notevolmente i consumi su base annua.

Uno dei principali “divoratori” di energia casalinga è di sicuro il frigorifero: rimane acceso 24 ore su 24 e richiede grandi dosi di elettricità per mantenere alimenti e bevande al fresco o congelati. Più alta è la sua classe energetica e minore sarà il suo fabbisogno di energia. Ma, oltre a questo, è possibile risparmiare ulteriormente applicando alcuni piccoli accorgimenti: non riempirlo eccessivamente, non aprirlo più di quanto sia necessario, regolare la temperatura ad un valore compreso tra il minimo e il medio, non inserire cibi o bevande calde ma aspettare che si raffreddino prima di conservarle.

Lavatrice e lavastoviglie andrebbero usate, quando possibile, a temperature non superiori a 30° utilizzando anche i cicli di lavaggio a basso consumo presenti sui modelli più moderni. Se poi il contratto di fornitura energetica prevede fasce orarie a costi ridotti, è bene mettere in funzione questi elettrodomestici nei giorni e durante gli orari in cui si è certi di spendere meno.

I condizionatori d’aria incidono in maniera massiccia sui consumi energetici soprattutto nei mesi estivi. Per risparmiare sarebbe sufficiente utilizzarli in modalità di deumidificazione e a temperature non troppo basse per avere ambienti freschi e accoglienti anche durante la peggiore calura estiva.

Televisori, computer, carica batterie di cellulari e tablet, sebbene oggi largamente utilizzati, non incidono in maniera significativa in bolletta. Unica accortezza è di non lasciare la televisione in stand by e scollegare i caricabatteria quando non vengono utilizzati. Magari non sarà un grande risparmio ma in compenso contribuiremo a preservarne l’efficienza e la durata.

slashto-vertucci

Presidente Consiglio di Amministrazione 4G Energia

Condividi questo articolo

Cerca